La nostra storia

Tanto tempo fa, a Buccheri, un paesino della Sicilia orientale,
il nostro bisnonno Vito Spanò, comprò, per i suoi nove figli,
un minuscolo fazzoletto di terra, detto “a Riunta”.
Era l’ultimo quarto del diciannovesimo secolo e...
l’inizio della nostra Storia.

Lavinia era il nome di nostra madre,
Vito, quello di nostro padre.

Facciamo olio da cinque generazioni.
Facciamo olio per amore.
Semplicemente, ascoltiamo nel vento la voce degli ulivi,
e gli ulivi ci chiedono di farlo.

Raccogliere le olive, a mano, nelle fredde mattinate autunnali, vuol dire avere il privilegio di sentire la presenza degli avi, inaspettatamente, accanto a noi. Assistere al miracolo di sentirli lavorare, silenziosamente, spalla a spalla con noi.
Annusare il profumo delle origini, squarciare l’opaca coltre del tempo, ascoltare la voce di coloro ai quali questa terra è appartenuta prima che a noi, molto più che a noi.
Rivedere la figura minuta del nostro bisnonno Ciccio Trigili che tornava in paese da sua moglie Vincenza Paternò, per rifornirsi di cibo. Avanzava lentamente, in compagnia della sua asina, ma mai –rispettandone la vecchiaia – in groppa a lei. Risentire in bocca il sapore delle rare olive nere che la nonna Grazia Trigili arrostiva sotto la cenere, nei giorni della raccolta, per farcele mangiare con il pane di casa caldo.
Risentire nelle orecchie la storia del nonno Gaetano Spanò, costruttore di strade a Philadelphia, tornato a casa per difendere il suo paese in guerra e, più tardi, definitivamente, per comprare la Vernèra e allargare il fazzoletto di terra ereditato da suo padre Vito. Riascoltare le risa, i racconti leggeri e gli aneddoti familiari narrati della zia Giovanna Spanò e dello zio Pippo Bonomo quando, a bordo della loro Fiat 600 beige, ci portavano in campagna per una passeggiata tra gli ulivi.
Ricordare nostra madre Lavinia Fazio, l’espressione assorta del suo viso, mentre dalla Tallarita - il punto più alto della proprietà - dominava con lo sguardo stupito l’immensa vallata tutto intorno. O ancora, anni prima, con noi piccoli e l’indomito cane Nick, a raccogliere cicoria, asparagi, finocchietto selvatico e borragine, nei campi della Vernèra.
Rivedere nostro padre Vito - per tutti, il Dottore Spanò, - che, con l’incanto negli occhi, andava in giro per gli uliveti riconoscendo i suoi “alberoni” uno per uno e attribuendo un’anima a ciascuno di loro. La sera, dopo cena, da buon medico, si armava di bisturi e sezionava sul tavolo della cucina le olive ammalate per capirne il problema e trovare la cura giusta. E’ a lui che dobbiamo l’amore per le origini. E il rispetto per la terra. E la certezza di essere parte di un filo che non si spezzerà mai.

Dunque…
La terra.
Le origini.
Casa.

Fare olio vuol dire per noi non spezzare un filo.
Non voler porre fine a una storia. Alla nostra storia, che continua con Giuseppe, Vito il grande e Vito il piccolo.

Perciò, se vogliamo parlare di olio, partiamo da questo.
Perché tutto il resto, davvero, è conseguenza.

Chi siamo

Siamo in cima ai Monti Iblei, a Buccheri, alle pendici del vulcano Monte Lauro, all'interno del magico sito archeologico di Sant'Andrea, tra una necropoli e una chiesa gotica. Qui, da millenni, l'Ulivo regna incontrastato, trovando terreno e clima ideali per dare i suoi frutti preziosi. Siamo nel cuore della zona di produzione della Tonda Iblea, la nostra preziosa cultivar.
I nostri uliveti, tutti secolari, con circa novemilacinquecento alberi, si trovano in collina, su circa settanta ettari di terra e in numerose contrade: Vernèra, Sant’Andrea, Tallarita, Zocco, Mazzarino, Mascarone, Maddalena, Frassino, e producono esclusivamente Tonda Iblea.

Come operiamo

Iniziamo a raccogliere le olive nei primi giorni di ottobre e proseguiamo la raccolta per tutto novembre. Da 5 generazioni, raccogliamo le olive esclusivamente a mano e le moliamo entro due ore dalla raccolta, presso un frantoio a ciclo continuo a due fasi, a freddo e con tempi di molitura estremamente brevi, per ottenere solo oli di prima spremitura di altissima qualità. Gli oli sono poi posti in recipienti di acciaio inox, saturati di azoto e conservati in ambiente a temperatura controllata, per mantenerne inalterate le caratteristiche chimiche, organolettiche e sensoriali.

Palmares

I nostri oli E.V.O. hanno ricevuto, negli anni, numerosi riconoscimenti sia nazionali che internazionali, tra i quali:

2016 | 2017

– Finalista alla XXV Edizione del Concorso “Ercole Olivario 2017”;
– Medaglia Extra.Gold al Concorso Internazionale “BIOL 2017”;
– Distinzione al Concorso “L’Orciolo d’Oro 2017”;
– Scelti per rappresentare l’Italia all’International Culinary Center, Campbell, California;
– Scelti per la manifestazione “Truly Italian” a Santa Monica;
– Silver Medal al Concorso “Los Angeles International Olive Oil Competition”;
– Attestato di Eccellenza alla “Rassegna degli Oli Monovarietali” di Assam Marche;
– Cuore “Ci emoziona” sulla Guida on-line di Slow Food.

2015 | 2016

– Gold Medal a Biol 2016;
– Gran Menzione al Concorso “L’Orciolo d’Oro” 2016;
– Presenti nel Catalogo “Your Gate to Sicilian Excellence” di Unioncamere Sicilia;
– Presenti in “Terre d’Olio” 2016 come “Maestro d’Olio”;
– Presenti nel Presidio Slow Food come “L’Olio del Presidio”.

2014 | 2015

– 3 Olive Guida Gambero Rosso 2015;
– 1° classificato al “Buonolio Salus Festival”, categoria Fruttato Intenso;
– Gran Menzione al Concorso “L’Orciolo d’Oro”;
– 2° classificato al concorso “L’Oro d’Italia”, categoria Fruttato Intenso;
– 1° Premio Speciale al Concorso “L’Oro d’Italia”, categoria DOP Monti Iblei, Sottozona Monte Lauro;
– 2° premio al Concorso “L’Oro del Mediterraneo”, categoria Fruttato Intenso;
– Morgantinon d’Oro al Concorso “Morgantinon”;
– 1° premio al Concorso “Morgantinon”, categoria DOP Monti Iblei;
– 3° classificato al Concorso “Expo Sicilia Città dell’Olio”, categoria Fruttato Intenso.
– Selezionati per rappresentare la Sicilia a Los Angeles e a Londra, presso il Centro di Cultura Italiana;
– Selezionati nella “Premium List” del Concorso “L’Ercole Olivario”;
– Presenti a EXPO Milano 2015, nel Cluster Biomediterraneo, da Maggio ad Ottobre;
– Selezionati nel volume “Le 100 Eccellenze Italiane”, Dell’Anna Editore.

2013 | 2014

– 1° premio al Concorso “Ercole Olivario” 2007;
– 1° premio al Concorso “L’Orciolo d’Oro” nella categoria “DOP Fruttato Intenso” 2007;
– 1° premio al Concorso “Ercole Olivario” 2008;
– 1° premio al Concorso “L’Orciolo d’Oro” nella categoria “DOP Fruttato Intenso” 2013;
– 1° premio al Concorso “Morgantinum” nella categoria “Fruttato Intenso” 2013;
– 1° premio al Concorso “Morgantinum” nella categoria “DOP Monti Iblei” 2013;
– Gran Menzione al Concorso “Leone d’Oro” dei Mastri Oleari 2013;
– 1° premio al 10° Concorso Oleario Aipo d’Argento 2013, nella categoria “Fruttato Medio”;
– Diploma d’Onore con Punzone d’Argento, categoria “Fruttato Medio”, al Concorso Aipo d’Argento 2014;
– Diploma di Distinzione al Concorso “L’Orciolo d’Oro” 2014.

Siamo presenti sulle guide

Slow Food
Flos Olei
Gambero Rosso
Assam, Oli Monovarietali
Terre d’Olio
Merum, Germania
Der Feinschmecker, Germania